immagine
Gli sprechi alimentari natalizi
Natura e territorio
8/dicembre/2016
Tra Natale e Capodanno, in Italia, finiscono nella spazzatura più di 400 mila tonnellate di cibo (circa 6 kg e mezzo a persona!). Tradotto in soldoni, sono circa 50€ buttati a famiglia.
 Il bramito del cervo
Natura e territorio
12/settembre/2016
 
Tutti hanno sentito parlare del ruggito del leone e molti del barrito dell’elefante. Ma se vi chiedo chi è l’animale che bramisce, credo che in pochi risponderebbero senza esitazione. Eppure leoni ed elefanti vivono molto lontano da noi, mentre i cervi che bramiscono, al contrario, sono vivi e vegeti in Sardegna. Ma tant’è, siamo talmente abituati ai contenuti che ci trasmette la televisione che ci sembra che per poter ammirare gli animali selvatici sia necessario prendere l’aereo e volare miglia e miglia lontano nel continente africano.
Tartaruga marina spiaggiata a Is Arenas, Narbolia
Natura e territorio
20/aprile/2016
Il 6 marzo nella spiaggia di Is Arenas, Narbolia (OR), è stata recuperata una tartaruga marina, appartenente alla specie Caretta caretta, la più diffusa nel Mar Mediterraneo.
Una specie che in un passato recente ha nidificato proprio in questa spiaggia dell'oristanese. Purtroppo stavolta non si trattava di una femmina in cerca di una spiaggia nella quale deporre le uova, bensì di un animale gravemente ferito e trasportato a riva in balia delle correnti.
 
Dal mare alla montagna
Natura e territorio
6/aprile/2016
Il territorio del Sinis-Montiferru è ricco di biodiversità e uno dei motivi è quello di poter vantare di un ampio dislivello altitudinale. In queste poche righe proveremo a percorrere un viaggio che ci porti dal mare fino alle cime montane, alla scoperta della vita che popola questo territorio e come stimolo a percorrerlo nelle sue infinite rotte.
Il nostro viaggio inizia da una foresta presente a pochi metri dalla riva del mare, invisibile se la si cerca osservando l'orizzonte, ma ben visibile se ci si arma di maschera e boccaglio: il posidonieto, formato da una pianta sottomarina, la Posidonia oceanica, che molti scambiano per un'alga ma che alga non è. Si tratta infatti di una parente delle comuni piante che siamo abituati a vedere sulla terraferma. Le sue foglie nastriformi ospitano pesci, piccoli crostacei e il più grande bivalve (dotato di due valve, come le cozze) del Mar Mediterraneo, la nacchera o Pinna nobilis (Fig. 1). Può arrivare fino ad un metro di altezza, la nacchera un tempo era ricercatissima poiché da essa si produceva il bisso, un filamento prezioso da usare nella tessitura degli abiti tradizionali. Oggi le nacchere sono sempre meno e per scongiurarne l'estinzione vengono particolarmente protette e ne è stata vietata la raccolta.
Le buone pratiche ambientali
Natura e territorio
6/aprile/2016

Nel mondo dei giorni nostri si sta affermando con sempre maggiore forza l'idea che lo sviluppo economico debba essere perseguito in armonia ed equilibrio con la tutela ambientale. E' un concetto di sviluppo denominato sostenibile, in grado di soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri. E' una sfida con obiettivi ambiziosi: arrestare il degrado ambientale, combattere la povertà e migliorare la qualità della vita oggi senza pregiudicare quella di un domani. Sulla base di questi principi nel 1992, alla Conferenza delle Nazioni Unite di Rio de Janeiro, è stato proposto un piano d'azione denominato Agenda 21.

Specie alloctone. Un grande problema per la biodiversitÓ.
Natura e territorio
6/aprile/2016
Le specie alloctone (denominate anche specie aliene) sono specie animali e vegetali introdotte in un territorio mediante l'intervento diretto dell'uomo, in un periodo storico recente (successivo al 1500). Si contrappongono alle specie autoctone, che sono originarie del territorio in cui vivono oppure ci sono arrivate per mezzo di processi naturali da zone contigue. Tra le specie alloctone, le più pericolose sono quelle cosiddette invasive, la cui diffusione minaccia la biodiversità e può causare gravi danni anche alle attività dell'uomo. 
 
[ 1 ]

Contattaci

Il lavoro svolto dal Ceass Sinis Montiferru, sia quello progettuale che quello concreto, è rivolto a tutta la popolazione con attività dedicate in grado di coinvolgere le diverse fasce di età e diversi segmenti sociali e culturali. 
Contattaci per avere informazioni su progetti in corso e organizzazioni future.

contattaci subito